Approvata la norma sul caporalato: più strumenti per contrastare il fenomeno

Era il 13 agosto del 2015 quando in Italia, si registrava l’ultima vittima in ordine di tempo, del caporalato: Paola Clemente una bracciante agricola di 49 anni moriva nella campagna di Andria. Ed è dedicata anche a lei, per evitare che altre donne e altri uomini possano morire per due euro l’ora nei campi privi di garanzia, la legge sul caporalato è, voluta e approvata prima che un altro anno potesse passare senza intervenire per aumentare le pene e rafforzare la prevenzione.

La legge contro il caporalato appena approvata al Senato è un passo importante per contrastare lo sfruttamento del lavoro  soprattutto in agricoltura e nel mezzogiorno.
Il testo, approvato a larga maggioranza e senza un voto contrari, ha riscritto il reato definendo anche una responsabilità per le imprese che impiegano mano d’opera in condizioni di sfruttamento, affrontando un problema che segna negativamente l’agricoltura e la qualità dei suoi prodotti.

Il testo approvato che ora va alla Camera interviene sulle politiche di prevenzione e contrasto al fenomeno istituendo e rafforzando la rete del lavoro agricolo di qualità che coinvolge, anche a livello territoriale, tutti i soggetti che sono determinanti per affrontare le basi del caporalato: il collocamento agricolo e il sistema di trasporto dei lavoratori.

Un fenomeno che ha dimensione importanti e condizioni di sfruttamento inaccettabili che doveva trovare una risposta politica che con il voto di oggi è arrivata, con il lavoro della relatrice Maria Grazia Gatti e di tutto il gruppo Pd al Senato.



Categorie:Diario

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: